REALTA'


Genova Principe

05/02/2019

Video dalla stazione di Genova Principe.

[Continua]


Cambio tensione a Domodossola anni 1991

28/12/2016

Un video splendido, che condividiamo da youtube

Movimenti alla stazione di Domodossola

[Continua]


Milano e Zurigo

17/06/2016

Dalla stazione di Milano Centrale, si passa alla stazione di Zurigo.

Due ambienti diversi, ma per noi modellisti, spettacolari e variegati.

Buona VISIONE...



[Continua]


Le foto dell'amico Francesco

26/04/2016

L'AMICO FRANCESCO

 

Alla manifestazione del 24/25 Aprile presso il Museo Ferroviario di Suno, abbiamo incontrato un amico eccezionale, Francesco.

Un ragazzo con ampie conoscenze ferroviarie e soprattutto appassionato nel fotografare i rotabili e scenari ferroviari.

 

Concentrato nel far conoscere il suo simulatore ferroviario, appositamente configurato per l'occasione con le ambientazioni della linea ferroviaria Novara-Domodossola, ci ha permesso di pubblicare alcuni dei suoi lavori fotografici.

 

Ecco alcuni dei suoi magnifici lavori:

 

IL MERCI IN TRANSITO A SUNO

 

I binari, lato Novara e lato Domodossola

 

Le 724 della Novara-Domodossola

 

Le E464 alla stazione di Suno

[Continua]


Alla scoperta della ferrovia del Mottarone

23/04/2016

Alla scoperta della ferrovia del Mottarone


Era una ferrovia magnifica. A CREMAGLIERA da Stresa al monte Mottarone.

Un peccato averla persa. Se vi trovate alla stazione di Stresa, potete ancora trovare il vecchio fabbricato, ormai decadente del capolinea "Stresa Stazione FS" attivo negli ultimi periodi di servizio. In vetta, invece si può ancora individuare la stazione e il deposito locomotive, attualmente, uno in fase di ristrutturazione e l'altro adibito ad altro uso.

LA SUA STORIA in formato riassuntivo:

Pensata dal Geometra Tadini già nel 1891
Inizialmente studiata per la trazione a vapore

Con l'annuncio dell'arrivo della Ferrovia a Stresa, in vista dell'apertura della galleria del Sempione, ed all'introduzione della trazione elettrica nelle tranvie, il Tadini propose nel 1900 una tranvia interurbana Stresa-Alpino-Mottarone sfruttando parte delle strade esistenti

Il nuovo tratto Alpino-Mottarone sarebbe stato armato con cremagliera, dove dei locomotori spintori avrebbero portato in vetta i tram

Veniva ipotizzata una sua diramazione tra Gignese e la rinomata località di Orta passando per Armeno, realizzando un collegamento turistico e panoramico tra i laghi d'Orta e Maggiore.

Si arrivò il 4 luglio 1909 all'approvazione governativa della concessione, grazie agli interessamenti del Sen. Mangili

Inaugurata il 12 luglio del 1911 ed affidata in concessione alla Società Ferrovia Stresa Mottarone (FSM)

I primi 4 anni di servizio fino allo scoppio della prima guerra mondiale superarono le più rosee aspettative

Passata la prima guerra mondiale si contrasse il flusso di turisti stranieri benestanti

Dopo il secondo dopoguerra, a causa della diminuzione dei passeggeri, gli incrementi dei costi di esercizio, nel 1959 si sospese temporaneamente il servizio

Dopo la ripresa del servizio la linea sopravvisse fino al 1963

[Continua]


Stazione Domodossola

20/04/2016

STAZIONE DOMODOSSOLA


Storia

La stazione di Domodossola venne costruita nell'ambito del progetto di costruzione della ferrovia di collegamento alla linea che, il 10 marzo del 1864[1], da Novara aveva raggiunto il Lago d'Orta a Gozzano. Il progetto, sin dagli anni settanta del XIX secolo, mirava a rompere l'isolamento in cui versava la valle oltre che ad assicurare il proseguimento del traffico viaggiatori soprattutto internazionale che, in diligenza, proveniva dal Valico del Sempione e dalle varie località della stessa Val d'Ossola e delle Val Divedro, Val Vigezzo e Val Bognanco[2]. Fu solo dopo l'emanazione della Legge Baccarini, nel 1879, che venne data autorizzazione a costruire una linea che raggiungesse il Sempione a Domodossola, ma solo come linea di 2a categoria. I lavori iniziarono alcuni anni dopo; il 9 settembre 1888 il treno inaugurale raggiunse Domodossola collegandola a Novara, realizzando così anche il collegamento verso Torino.


 

La stazione era stata ivi costruita perché da Domodossola partivano le diligenze che valicavano il passo del Sempione. La stazione ebbe da quel momento uno sviluppo costante di traffico che si incrementò con la costruzione della stazione internazionale inaugurata nel 1906 in seguito all'apertura del traforo del Sempione. Contemporaneamente venne attivato il collegamento ferroviario diretto con Arona e Milano[3].

 

 

Il traffico della stazione ebbe un ulteriore incremento, dal 1913 in poi, in seguito all'apertura della Galleria del Lötschberg che convogliò sul Sempione merci e viaggiatori provenienti dal centro nord della Svizzera. Il 25 novembre 1923 la stazione ebbe un'ulteriore apporto di traffico viaggiatori in seguito all'apertura della Ferrovia Vigezzina i cui treni si attestavano sul piazzale esterno della stazione.

 

 

Il 4 maggio 1947 venne inaugurata l'elettrificazione a 3000 volt, corrente continua, della linea Milano-Domodossola; mentre per il completamento del piazzale binari lato sud della stazione i lavori richiesero qualche anno ancora; la sezione di ricevimento e partenza treni, verso la Svizzera era già stata elettrificata, nel 1930 a corrente alternata monofase, a 15 Kv.[4]

Di rilievo architettonico sono la facciata, che presenta una fascia marcapiano in granito di Baveno e le tre cimase che si elevano dall'edificio.

Strutture e impianti

Quella di Domodossola è la stazione ferroviaria capolinea della linea Domodossola-Milano e della linea Domodossola-Novara, ma i treni provenienti dalla stazione di Milano Centrale diretti in Svizzera continuano sulla linea Domodossola-Briga, previa dogana, e attraversano il traforo del Sempione.

 

 

Dal terminal in galleria posto al di sotto della stazione internazionale trae origine la linea Domodossola-Locarno, nota come Vigezzina, e gestita da SSIF.

Dal capolinea autolinee posto nei pressi della stazione partono autobus diretti ai principali comuni delle valli ossolane e tratte extraurbane dirette a Verbania, Omegna e l'Aeroporto di Malpensa.

 


FONTE WIKIPEDIA - FOTO: FORA TRAIN

[Continua]


Aln 40 nel canavese

20/04/2016

Automotrice FS ALn 40

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le automotrici ALn 40 delle Ferrovie dello Stato Italiane erano un gruppo di automotrici termiche a nafta, costruite nel 1936 dalla FIAT per l'effettuazione di servizi ferroviari di prestigio. Furono numerate ALn 40.1001–1025.

Le automotrici furono costruite in 25 unità, e contavano 40 posti a sedere (17 di prima classe, 23 di seconda), e una piccola cucina per il servizio di ristorante al posto. La cassa derivava da quella della ALb 80 con qualche modifica[1].

Nel 1943 le cinque unità FS ALn 40.1002, 1003, 1004, 1008 e 1025 furono cedute alle Ferrovie Torino Nord (FTN) per l'effettuazione di servizi sulla ferrovia Canavesana tra Torino Porta Susa[2]-Settimo-Rivarolo Canavese-Castellamonte/Pont[3]. Altre dodici unità erano state restituite dalle FS alla FIAT tra il 1940 e il 1942; nel 1946 le FS ne riacquistarono quattro (matricole 1001, 1007, 1010 e 1011)[4].

A guerra terminata le ALn 40 furono impiegate dalle FS per servizi rapidi tra Milano e Roma, quindi su relazioni minori (chiudendo la cucina): furono successivamente radiate e demolite[4].

Le automotrici passate alla FTN (che avevano una capienza aumentata a 70 posti) furono utilizzate fino alla fine degli anni settanta (tranne la 1025 demolita nel 1962)[4]; un'unità ex-FTN, la ALn 40.004, è ricoverata presso la stazione di Pont Canavese (linea Rivarolo-Pont) in attesa di decisioni; ha subito una leggera riverniciatura esterna anni fa e gli interni sono stati asportati[5]. Due unità passate alla FTN furono noleggiate tra il 1946 e il 1948 alla ferrovia Pisa-Tirrenia-Livorno[6].

 

LE FOTO (By Fora TRAIN)

[Continua]


Manifestazione del 24/25 Aprile

19/04/2016

Esposizione di Modellismo Ferroviario
Carissimi amici, ci vediamo tutti alla manifestazione del 24/25 Aprile alla stazione di Suno.

Per l'occasione Fora TRAIN, espone due plastici, di cui uno nuovo di zecca.
Alla manifestazione ci saranno anche diversi appassionati, che porteranno le loro collezioni e i loro diorami.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI
Per informazioni, contattateci al numero 3281165158 oppure tramite email a info@modellismoferroviario.com


[Continua]




Articoli recenti


Carro tipo L

Pubblicato il 04/07/2019

Produzioni accessori

Pubblicato il 05/02/2019

Genova Principe

Pubblicato il 05/02/2019

Vectron OBB - Roco

Pubblicato il 02/02/2019

Fora TRAIN Una storia dal 1999

Pubblicato il 03/04/2017